Le parole della legalità: onestà

11 LUGLIO 2022
condividi su Facebook

Tutti i bambini dicono bugie, ma nessun bambino è un bugiardo.

Piccoli sotterfugi, goffe fughe dalla responsabilità personale, invenzioni smaccate: a tutti i bambini capita di dire delle bugie, inventare giustificazioni o riadattare la realtà, ma nessuno di loro è disonesto. Semplicemente, i bambini dicono bugie per metterci alla prova, per non deluderci, per rendersi più interessanti agli occhi degli altri: le bugie fanno parte del processo di crescita. Non tutte, quindi, devono creare in noi un’allerta o farci reagire con una punizione. Se togliamo rimproveri e punizioni dal campo, però, a cosa possiamo ricorrere per spiegare ai bambini quanto è importante essere onesti, e quanto è fondamentale che ognuno di noi si senta e mostri responsabile di ciò che dice e di ciò che fa?

Bugie, emozioni e responsabilità.

Geronimo Stilton, con lo sguardo puntato alla Bussola della Legalità, pensa che la prima mossa sia guardare alle bugie come un’opportunità: un’occasione preziosa per parlare, con le parole giuste, di onestà e responsabilità, due valori che rappresentano un importante punto cardinale. Quando il bambino racconterà una bugia, potremo prendere la palla al balzo invitandolo a parlare insieme del perché la bugia è stata detta (per reale convenienza o, forse, per ricerca di attenzione?). Poi, senza adottare un atteggiamento colpevolizzante, potremo condividere una piccola, grande verità: essere onesti e responsabili (eventualmente anche a posteriori, a bugia “confessata”) genera rispetto, stima ed encomi. Quindi, perché mentire una bugia per coprire una malefatta, quando invece si può raccogliere un complimento nell’ammettere di aver compiuto uno sbaglio?

le ultime news